Chantecler

Chantecler è la storia di una grande amicizia tra Pietro Capuano e Salvatore Aprea, due uomini molto diversi tra loro, entrambi speciali. Pietro Capuano, soprannominato da tutti Chantecler per la sua abitudine di festeggiare fino all’alba, era un uomo dotato di una personalità stravagante. Un dandy, erede di una nobile famiglia di gioiellieri napoletani, che sapeva incantare gli ospiti delle sue memorabili feste.

Salvatore Aprea era un giovane caprese, testardo e ribelle. Nonostante gli studi in giurisprudenza decise di dedicare la sua vita all’arte e soprattutto all’Alta Gioielleria. Una mente creativa che ha saputo sfruttare la sua immaginazione visionaria per realizzare capolavori di mirabile manifattura.